Top di gamma dell’azienda ATOTO, commercializzata da Novembre 2017, è il nuovo modello ATOTO A6 disponibile in diverse varianti riguardo a memoria Ram e memoria di archiviazione. Nel mio caso ho avuto modo di testare per un paio di mesi il modello A61721P che presenta 2GB di RAM e 32GB di memoria interna

Il SoC è un MTK quad-core da 1.5 Ghz affiancato da una GPU ARM Mali-450. Lo schermo è, per tutte le versioni, un 7″ 1024×600 touchscreen capacitivo a 5 tocchi; varia solo la luminanza che può variare dai 400cd/m2 ai 600cd/m2 tra le versioni Standard e Premium.

Senza dilungarmi troppo nell’introduzione dell’autoradio andiamo a vedere nel dettaglio ogni aspetto:

 

CONFEZIONE

La scatola al suo interno contiene, oltre all’autoradio, anche lo stretto necessario per il suo montaggio all’interno di qualsiasi macchina. L’autoradio è una 2 DIN con schermo touchscreen non removibile e sul retro di essa troverete anche tutte le connessioni necessarie sia per alimentazione che accessori esterni.

In confezione troviamo:

  • i moduli esterni del WiFi e antenna GPS
  • microfono esterno
  • 2 cavi con prese in totale 3 USB per collegare smartphone (Screen Mirroring), pennette USB, internet key (solo alcuni modelli) ed altri accessori
  • Mascherina universale e staffe per il montaggio
  • Cablaggio: vi sono due versioni di cui una è con i fili non ancora collegati ed un’altra è quella con già l’alloggiamento per l’attacco ISO e necessiterete dell’apposito cavo per la vostra macchina
  • Manuale d’uso ben illustrato

Tutti questi accessori ed l’unboxing completo potete vederli nel video seguente:

 

CARATTERISTICHE TECNICHE e MONTAGGIO

Dell’autoradio, oltre alle versioni in base a ram e memoria interna, si differiscono i modelli anche per le dimensioni, seppur minime ma essenziali, della scocca esterna: nel mio caso ho acquistato il modello A61721P, come già detto in precedenza, che presenta dimensioni di 178 x 101,5 mm per lo “schermo” e 182 x 104 x 148 mm per l’intero ingombro 

Il mio caso necessitava questo preciso modello e non quello con dimensioni leggermente superiori perchè avrebbe successivamente fatto fatica ad entrare nella plancia di una Opel Corsa D, andando a sostituire la già presente CD30MP3 (autoradio di serie) a 2 DIN.

Per il montaggio mi ci è voluto un po’, ma il risultato è stato più che soddisfacente una volta trovati sia i pezzi giusti sia la giusta modalità di connessione a livello elettronico: per la gabbia con una semplice ricerca su Amazon mi son imbattuto in questo kit comprensivo del cavo con attacco ISO ed antenna, chiavi per estrarre la precedente autoradio, gabbia di montaggio e soprattutto la mascherina nero lucido da applicare nel “buco” lasciato dall’altra autoradio. Il cablaggio è ben spiegato all’interno del manuale in una seziona apposita, dove troviamo commentati anche tutti i cavi, uno ad uno, per spiegare la loro funzione: io ho chiesto consiglio ad un elettrauto, avendo già un minimo di esperienza, e mi è stato consigliato di collegarla “sotto chiave”, ovvero quando il quadro dell’auto è acceso l’autoradio funziona, altrimenti è spenta ( tranne il cavo giallo che è la 10A con corrente continua che vi permettere di mantenere in memoria tutti i dati e soprattutto di usufruire del Boot rapido da 2s). Il mio consiglio più spassionato è: se avete un qualsiasi minimo dubbio rivolgetevi ad un elettrauto direttamente e vedrete che nel giro di una mezz’oretta avrete il tutto montato e funzionante con una spesa nemmeno esagerata.

 

Riguardo alle antenne di WiFi e GPS vi consiglio di installarli direttamente sul cruscotto a ridosso del parabrezza in modo da non aver alcuna interferenza ed aver il massimo dell’espansione del segnale: naturalmente per il WiFi dipende da quale fonte prenderete i dati ( nel mio caso essendo abbastanza vicino casa attingo da quella e quando son fuori uso qualche volta il telefono in tethering) mentre il GPS funzionerà non appena interpellato da un’app che ne richieda l’uso e vi posso assicurare che il fix è immediato e molto stabile.

Ha anche due moduli Bluetooth v4.0 che funzionano per modalità separate: la prima è quella utile al vivavoce BT e lo streaming multimediale del telefono che collegherete, oppure potete utilizzare il tethering internet del telefono, inviare/ricevere file o collegarvi con il modulo OBD.

Il microfono è presente sia sulla parte destra della scocca, sia potrete collegare il microfono esterno incluso in confezione per poterlo portare ovunque via sia più comodo ( per esempio direttamente sul volante). C’è da dire che anche senza il microfono esterno, Google riconosce tranquillamente qualsiasi input vocale gli diate come cercare una via o aprire un app o qualsiasi altra funzionalità di cui si possa usufruire.

S.O. , FUNZIONALITA’ E APP

A6 è basato su Android 6 Marshmallow ed attualmente l’S.O ( personalizzato e comunque basato su Android) è giunto alla v 9.2 ed a detta del produttore sarà sempre in costante aggiornamento. Essendo un autoradio avrete un S.O. principalmente basato sulla multimedialità ed infatti le due applicazioni principali sono Radio FM e Musica. Essendo presente anche il Play Store  potrete scaricare qualsiasi app necessitiate e di fatti io non mi faccio mancare navigatori del calibro di Copilot e Sygic, app di streaming musica come Spotify, il nuovo Amazon Music e di riproduzione musica locale come Stellio; non mancano Netflix ed MX Player per visualizzare i film o video caricati sulla microsd. Ovviamente per il parco applicazioni ognuno si costruisce il suo in base alle proprie esigenze, ma direi che anche quelle poche ed essenziali che ho installato io siano il minimo indispensabile per sfruttare a pieno l’ATOTO A6.

La Radio FM, così come l’app Musica, sono app proprietarie del sistema e si aggiornano ogni qualvolta viene rilasciato un OTA del sistema operativo. Ad ora ho trovato qualche piccolo bug durante il loro utilizzo e li ho prontamente segnalati al produttore il quale ha detto che ci stanno lavorando. La Radio FM è dotata di funzionalità di AF con annesso RDS Tuner grazie al quale potrete, oltre ad ascoltare la stazione radio ad un livello audio superiore, anche ricevere informazioni sulla stazione radio stessa e sull’attuale canzone che stanno riproducendo ( se la stazione radio è predisposta).

Vi è la ricerca automatica con salvataggio delle frequenze trovate e volendo si possono salvare anche alcune stazioni in modo fisso rinominandole da avere sempre a portata di touch. La qualità della sintonizzazione è abbastanza buona e per ora non ho riscontrato rilevanti perdite di segnale se non all’inizio, dopo l’attivazione e la stabilizzazione dell’AF, dove la frequenza di una stazione cambiava più e più volte e magari nemmeno mi restituiva quella che stavo cercando. Ora, dopo l’ultimo aggiornamento, questi cambi di frequenza non avvengono più se non in casi strettamente necessari e il risultato della ricerca corrisponde alla frequenza che si stava ascoltando.

Musica: è l’app integrata, ma ciò non cambia che potete sostituirla con altre. Infatti vi troviamo anche Google Play Music, di mio ho installato Stellio (bell’interfaccia ma il controllo remoto non mi permette di cambiare canzone) e da quanto ho letto sul forum di supporto di ATOTO vi è anche Poweramp che è pienamente compatibile. L’inserimento di Micro SD (fino a 128GB) e chiavette USB (fino a 256GB) o anche la copia dei file musicali direttamente sulla memoria interna, fa si che ogni volta che si apra l’app, questa ricerchi gli ultimi “aggiornamenti” riguardo i titoli aggiunti per poi riprodurli.

La riproduzione avviene senza alcun tipo di problema e l’interfaccia della singola canzone ospita le classiche funzionalità di un riproduttore musicale, ma la cosa che non mi è piaciuta è il fatto che qualche volta non vengono trovare alcune sub-cartelle presente in una cartella, per esempio di un autore o album (bug prontamente segnalato).

Per qualsiasi tipo di riproduzione, musica o radio fm che sia, potete accedere velocemente all’EQ preimpostato dalla barra inferiore cliccando sull’attuale tipologia di EQ impostato. Così anche anche il volume può essere controllato dal controllo remoto a volante ( se lo avete), dai pulsanti soft touch posti sulla sinistra ed anche tramite la barra inferiore cliccando sull’icona dedicata.

Per la navigazione di preinstallato troviamo Maps, nella quale è possibile anche scaricare porzioni di mappe offline in modo da poter navigare anche senza una connessione internet, ma io ho sempre preferito Copilot o Sygic per la navigazione con mappe offline. L’installazione la fate semplicemente dal Play Store e poi con la vostra licenza attivate il tutto e vi scaricate la mappa. Le app funzionano senza alcun tipo di problema, cosi come gli avvisi vocali ed anche il rilevamento GPS è immediato.

Come già detto in precedenza essendo simile ad un vero e proprio tablet con Android a bordo potrete installare le applicazioni di cui più necessitate, e tra queste non manca il Mirror link, presente tramite l’app preinstallata EasyConnect: per chi non conoscesse questa funzionalità in pratica permette di visualizzare lo schermo del vostro smartphone direttamente sullo schermo dell’autoradio. Vi è possibile connettere sia dispositivi Android ( con USB o WiFi) sia iPhone (solo tramite WiFi). L’app una volta aperta vi fornirà tutte le istruzioni per configurarla ed utilizzarla.

Altre funzionalità non meno importanti sono il DVR, cioè la possibilità di registrare automaticamente tutto ciò che riprenderebbe una Dashcam ( telecamere da cruscotto) ed anche la possibilità di collegare una camera per la retromarcia la quale si attiverebbe appunto per farvi vedere cosa avete dietro al posteriore dell’auto in fase di parcheggio.

L’hardware presente nell’autoradio consente anche l’ingresso audio/video per l’AUX ed il collegamento di un Sub-Woofer che, tramite le impostazioni, è possibile scegliere se controllarne il volume manualmente od in modalità automatica. In caso vogliate collegare il vostro impianto di casse, ATOTO A6 dispone di un amplificatore integrato da massimo 4*45W con RMS 4*24W.

Tutte le funzionalità descritte e le restanti, insieme alle impostazioni possibili del sistema, le trovate in maggior dettaglio all’interno della video recensione:

 

ACCESSORI

Nel toto dell’acquisto dell’autoradio ho deciso di includere anche la Watchband Steering Wheel Control ( più comunemente: il controllo remoto da volante) e l’adattatore OBD II per la lettura dei dati in tempo reale dalla centralina dell’auto.

Partiamo dalla Watchband che trovate a questo link:

la si acquista se non volete del tutto perdere i comandi al volante, ma vi affidate comunque ad un accessorio esterno; si, perchè nel caso vogliate utilizzare i comandi del vostro volante attualmente presenti, dovreste acquistare ciò che è chiamato adattatore CAN BUS ( di solito si tratta di una spesa di una 80ina di €) e riuscirà a interfacciare i comandi del vostro volante e renderli “leggibili” dall’A6, la quale ha una sezione dedicata nelle impostazioni per l’assegnazione di tali comandi. Vi sono anche quelle auto che hanno

Tornando a noi, se utilizzate la Watchband significa aggiungere un ingombro sul volante, ma della quale non farete più a meno: ha pulsanti per accettare o rifiutare una chiamata, skippare o tornar indietro con le tracce o stazioni radio, aumentare e diminuire il volume ed infine, con il tasto centrale con l’icona del microfono, richiamare l’attenzione di Google Voice ( default) o richiamare un’altra qualsiasi app da voi configurata nelle impostazioni. La Watchband è anche dotata di illuminazione notturna fluorescente in modo da individuarla sempre e funziona con una semplice batteria CL2025 (quelle piatte a litio) che vi garantirà un uso per mesi. L’unico collegamento che dovrete fare, oltre a quello della band al volante, è il ricevitore IR nell’apposita porta sul retro dell’autoradio.

Funzionamento: con l’aggiornamento v9.1 del S.O. il riconoscimento era immediato, mentre con la v9.2 ho notato che prima che venga riconosciuta e resa utile al funzionamento devono trascorrere precisamente 10minuti: questa problematica l’ho subito segnalata al produttore ed han detto che ci stanno lavorando per il futuro aggiornamento. Del resto ne sono molto soddisfatto perchè semplifica e rende più sicuro l’utilizzo dell’autoradio anche durante la guida, e l’unica pecca che ho trovato è la possibilità di non utilizzare il pulsante centrale per mettere in pausa e riprendere la vostra musica.

Passando all’adattatore OBD II: lo potete acquistare qui.

Penso che ognuno di voi abbia almeno sentito una volta “la porta OBD” e sappia bene o male di che si tratta; per chi non lo sapesse, in parole povere, è quella porta presente in ogni auto dalla quale si può accedere alla centralina dell’auto e leggerne i valori ( approfondimento: https://it.wikipedia.org/wiki/Diagnostica_a_bordo ).

Questo accessorio è dotato di Bluetooth ed è compatibile con tutti i dispositivi ovviamente dotati di Bluetooth e che possano installare una applicazione di interpretazione di tali vali. Per Android vi è Torque e Torque Pro , che troviamo preinstallata su ATOTO A6, e una volta configurato il collegamento tra i due dispositivi potrete leggere tutti i valori in tempo reale della vostra auto, che sia ferma o in movimento ( un po’ stile Fast & Furious con Brian O’ Conner nella sua Nissan Skyline 😀 )

 

In casa tra i gadget inutilizzati ho trovato anche una chiavetta 3G/UMTS della Huawei E173 ( di quelle che davano una volta con le SIM della 3) e dopo aver visto sul manuale dell’ATOTO A6 che era possibile collegare alcune chiavette per la connessione non ho potuto non testarla e sorprendentemente è stata facilmente riconosciuta. Ogni qualvolta collegate una chiavetta potete usarla su qualsiasi porta USB e automaticamente comparirà un’app chiamata Tedongle, nella quale potrete vedere lo stato e le informazioni della chiavetta ed anche lo status della linea.

Io all’interno ho una sim della 3 solo dati: ogni qualvolta si avvia l’autoradio, la connessione avviene automaticamente ( quindi togliete il Pin ed assicuratevi di avere dati a disposizione ) e così potrete tranquillamente utilizzare Spotify, Maps, Internet, Youtube e qualsiasi altra app richieda la connessione. Io attualmente la utilizzo sempre per ascoltar musica con Spotify e come navigatore Maps per visualizzare in tempo reale il traffico.

PREZZO E SUPPORTO

L’autoradio ha un prezzo molto competitivo: 279€ a novembre 2017, quando l’ho acquistata io; la Watchband Steering Control 26€ ed infine l’adattatore OBD II 19€. Per quest’ultimo potete risparmiarvi l’acquisto in caso abbiate già un adattatore in casa dato che son tutti compatibili purchè abbiano il Bluetooth.

Per qualsiasi riferimento a problematiche e supporto direttamente dalla casa produttrice dovrete registrarvi su http://support.myatoto.com e mandare una segnalazione direttamente tramite la vostra area personale.

Qui sotto potete trovare tutti i link di acquisto per l’autoradio e gli accessori:

Link per l’acquisto:
Autoradio:
ATOTO A6 (2GB-32GB): http://amzn.to/2oOTtdW

Accessori:
Watchband Steering Wheel Controlhttp://amzn.to/2titv88
Adattatore OBD IIhttp://amzn.to/2I0pLeJ
Mascherina 2 Din+Gabbia (per Opel Corsa D)http://amzn.to/2FSQrxq
Cavo ISO + Fakra (Opel): http://amzn.to/2I6FYzi
Venditore ATOTO: http://amzn.to/2Fcus7n

Per qualsiasi accessorio per il montaggio basterà far la ricerca con le medesime parole chiave ma inserendo poi il modello o il brand della vostra auto.